SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Maria Maddalena

  • Uscita:
  • Durata: 120min.
  • Regia: Garth Davis
  • Cast: Rooney Mara, Joaquin Phoenix, Chiwetel Ejiofor, Tahar Rahim, Ariane Labed, Denis Ménochet, Lubna Azabal, Tchéky Karyo, Hadas Yaron, Ryan Corr, Irit Sheleg, Jacopo Olmo Antinori, Roy Assaf, Tawfeek Barhom, Charles Babalola, Sarah-Sofie Boussnina, Giorgio Caputo, Giovanni Cirfiera, Massimiliano Cutrera, Giacomo Fadda, Uri Gavriel, Shira Haas, Tsahi Halevi, Michael Moshonov, Lior Raz, David Schofield, Francesco Scianna, Zohar Shtrauss, Theo Theodoridis
  • Prodotto nel: 2018 da IAIN CANNING, EMILE SHERMAN, LIZ WATTS PER SEE-SAW FILMS, PORCHLIGHT FILMS, UNIVERSAL PICTURES INTERNATIONAL PRODUCTION (UPIP)
  • Distribuito da: UNIVERSAL PICTURES

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

Nella Terra Santa del primo secolo, Maria Maddalena è una giovane donna che abbandona la propria famiglia e il piccolo villaggio di pescatori in cui è nata per unirsi a un movimento nuovo. Ispirata da Gesù di Nazareth, dalla sua carismatica guida e dai suoi insegnamenti, Maria si incammina con gli altri discepoli per il viaggio verso Gerusalemme, ritrovandosi al centro del momento fondante del Cristianesimo.

Dalla critica

  • L'Osservatore Romano

    (...) la sceneggiatura non è eccezionale. Non rende carismatica nessuna delle figure che circondano i due protagonisti, e anche il rapporto fra questi è espresso più attraverso la recitazione e la regia che attraverso la scrittura. L'immagine di una Maria Maddalena che si libera da una famiglia opprimente incapace di capirla, è sicuramente efficace sul piano narrativo, anche perché la avvicina alla protagonista di un romanzo, ma, mancando un grande sviluppo del personaggio, poteva rischiare di conferire al suo percorso connotati un po' adolescenziali. A far intuire quale ruolo può aver avuto davvero come sorta di apostolo aggiunto sono, piuttosto, come detto, azzeccate scelte di regia e di direzione degli attori. Il Gesù di Phoenix è uno dei più sofferti visti sullo schermo. La contrazione narrativa che si è scelta, poi, ce lo fa trovare, 'in medias res', già esausto e desideroso di requie. (...) Il Gesù che il film ci propone vede dunque in Maria Maddalena una risorsa trovata 'in extremis'. I due finiscono così per essere, in un certo senso, l'uno la salvezza dell'altro. Un concetto che il film cerca di esprimere tutto a livello emotivo, attraverso le intense interpretazioni di Mara e Phoenix ma anche attraverso scelte un po' più facili, come un accompagnamento musicale ininterrotto e un montaggio che - come va molto di moda recentemente - imita quello del cinema di Malick nell'essere sottilmente antinarrativo. Entrambi questi ultimi elementi, peraltro, sono condotti con ispirazione e non intaccano la sincerità delle intenzioni. Il risultato è un film che vuole essere genericamente attendibile e che di certo contribuisce a infondere nell'immaginario collettivo una Maria Maddalena dai connotati più positivi e complessivamente più veritieri rispetto al passato. Ma soprattutto, pur senza arrivare ad agitare corde profonde, si propone come uno dei più emozionanti fra i film d'argomento biblico o evangelico, anche solo per il nuovo punto di vista che lo contraddistingue, capace di sorprendere lo spettatore in molti momenti.

  • Il Messaggero

    Il film di Davis è una gemma di sottrazione, pudore e sussurri. Il rapporto è spirituale e politico nel senso più alto. I due diventeranno leader di rivoluzionari, gli apostoli, scombussolati dagli eventi. (...) Mara e Phoenix sono eccellenti.

  • Libero

    Piacerà per la splendida fotografia (la Sicilia non è mai sembrata cosi «cinegenica»). E per l'interpretazione della Rooney. Che compensa con il pathos e la convinzione il suo sex appeal così così. Ma se paesaggio e attori sono da raccomandare è molto difficile da digerire la manipolazione del personaggio in nome del femminismo e di un'operazione nostalgia degli anni 70 che ora è diventata evidentemente 'trendy'.

  • Il Giornale

    Film lento, didascalico, che cerca di «glorificare» l'immagine di Maria Maddalena (brava la Mara), riabilitata, di recente, dalla chiesa col titolo di «Apostola degli Apostoli». Il problema è che qui si è esagerato all'opposto, trasformando la prima testimone della resurrezione di Cristo nella figura a lui più vicina, relegando gli apostoli a ruoli anonimi, rancorosi (Pietro). Si salva solo il disilluso Giuda, mentre Phoenix vince il titolo di peggior Gesù visto al cinema.

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Il testimone invisibile

  • Uscita:
  • Regia: Stefano Mordini
  • Cast: Riccardo Scamarcio, Miriam Leone, Fabrizio...

Adriano Doria, un giovane imprenditore di successo, si risveglia in una camera d'albergo chiusa dall'interno accanto al...

Scheda e recensioni

Macchine mortali

  • Uscita:
  • Regia: Christian Rivers
  • Cast: Hugo Weaving, Hera Hilmar, Robert Sheehan, Jihae,...

Migliaia di anni dopo la distruzione del mondo civilizzato a causa di un cataclisma, la razza umana si è adattata e si è...

Scheda e recensioni

Se son rose

  • Uscita:
  • Regia: Leonardo Pieraccioni
  • Cast: Leonardo Pieraccioni, Michela Andreozzi, Elena...

Cosa succederebbe se qualcuno mandasse di nascosto alle tue ex dal tuo cellulare: «Sono cambiato. Riproviamoci!»? È...

Scheda e recensioni

Bohemian Rhapsody

  • Uscita:
  • Cast: Rami Malek, Lucy Boynton, Aidan Gillen, Joseph...

Un racconto realisto ed elettrizzante degli anni precedenti alla leggendaria apparizione dei Queen al concerto Live Aid...

Scheda e recensioni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...